La posizione corrente:Home > Viaggi

Dunhuang fra le mete per il Qingming

2017年04月05日 21:30 fonte:  autore: Marta Cardellini
Foto: China News Service/ Wang Binyin


Oltre alle mete classiche i cinesi hanno apprezzato quest’anno le Dune Cantanti e il Lago della Mezzaluna della regione nord occidentale del Gansu, una volta importante centro lungo la Via della Seta.

 

Gli spostamenti per le feste hanno confermato anche quest’anno dati molto positivi per l’industria del turismo cinese, circa 5,38 i miliardi di euro fatturati da sabato a lunedì scorso. Le entrate, secondo i dati ufficiali dell’Ente nazionale per il turismo, sono state accompagnate dai 93 milioni di viaggi in destinazioni nazionali. Molti coloro che hanno scelto mete a breve distanza facendo ricorso al viaggio in auto, 35 milioni invece i passeggeri dei treni che hanno optato per lo più per la regione del Delta del Fiume Azzurro e la zona Pechino-Tianjin-Hebei. Ad inserirsi nella classifica delle mete turistiche preferite per trascorrere qualche giorno lontano dagli obblighi della quotidianità quest’anno anche le dune di Dunhuang, con 18,7 mila visitatori registrati e un aumento turistico del 35,58% rispetto allo scorso anno.

L’area panoramica di Dunhuang offre di sicuro uno spettacolo unico. Considerato come un punto strategico sull’antica Via della Seta, al confine fra il deserto e l’area abitata, era per coloro che si dirigevano in Oriente un faro di salvezza, mentre per i viaggiatori verso Ovest l’ultima oasi prima del grande deserto. Oggi, grazie anche all’interesse del governo nei confronti dello sviluppo del turismo, l’area si trova a possedere delle risorse davvero meravigliose in grado di accontentare ogni genere di viaggiatore. Ciò che colpisce di più sono le dune di sabbia, chiamate anche Dune Cantanti per il rumore del vento che passa fra la sabbia, e il Lago della Mezzaluna creato secondo la leggenda durante una cerimonia buddhista in un tempio che sorgeva proprio lì.