La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

La Calabria all’ITB China 2017 di Shanghai

2017年05月10日 20:36 fonte:Ufficio stampa Regione Calabria  autore: Marta Cardellini


Una spezia come filo culturale fra Italia e Cina. Questo è solo un piccolo assaggio di come la Calabria intende conquistare il pubblico dei turisti cinesi.

 

La Calabria si veste di “rosso peperoncino” per presentarsi ai turisti cinesi. Dopo aver ottenuto, prima regione italiana, nell’aprile scorso la certificazione di “Welcome Chinese” approda ufficialmente in Cina al ITB China 2017, la fiera internazionale sul turismo dedicata in particolare all’outbound che si tiene in questi giorni a Shanghai. «La Calabria e le sue eccellenze sono protagoniste all’interno del Padiglione Europa dove “Welcome Chinese” è partner strategico per il 2018, l’anno del turismo Europa-Cina», informano dalla regione.

E così anche la Cina «riconosce lo straordinario potenziale turistico ed enogastronomico della Calabria». Proprio l’enogastronomia si conferma come una delle leve su cui punta la regione per conquistare i turisti cinesi che fra mare, montagna e borghi verrebbero definitivamente attratti da quel sentore familiare che è insito nel peperoncino. È in quest’ottica che il brand della regione “Rosso Calabria” diventa all’ITB China il simbolo che unisce due culture diverse, ma con tanti punti di contatto, non ultimo il peperoncino che rispecchia le tradizioni culinarie dei due paesi.

Il presidente della regione Mario Oliverio ha dichiarato: «Il turismo cinese è per la Calabria una importante opportunità per destagionalizzare la nostra offerta turistica dal momento che i turisti cinesi non sono particolarmente attratti dal turismo estivo. Questo può portare ad un allungamento dei soggiorni nei nostri borghi costieri, interessare le nostre aree interne, i giacimenti culturali. Inoltre la Calabria quest’anno ha raccolto, grazie alla sua offerta enogastronomica, un certo interesse che non è sfuggito all’attenzione di quel grande paese che è la Cina, soprattutto in considerazione che tale offerta è inserita in un contesto ambientale sano. Quello cinese è un segmento in grande espansione che presuppone un adeguamento dell’offerta turistica occidentale alle esigenze di una cultura estremamente importante, antica ma diversa dalla nostra. Per questo la Certificazione Welcome Chinese è per la Calabria il primo passo di un percorso che inizia oggi grazie a questa acquisizione da parte della Regione, ma che deve proseguire attraverso la sinergia tra gli operatori che compongono tutti i segmenti dell’offerta turistica della Calabria».

E il programma di scambio è solo all’inizio, a fine giugno una delegazione cinese di operatori turistici e giornalisti cinesi sarà in visita in Calabria per scoprire gli itinerari e le varie esperienze di viaggio da vivere sul territorio. Intanto, in attesa dell’arrivo della delegazione, è stata lanciata una campagna promozionale sui social media cinesi Wechat e Wiebo Cinaur come supporto al processo di avvicinamento fra Calabria e Cina.