La posizione corrente:Home > Notizie

Il nuovo “vaso sanguigno”a 5 piani di Chongqing

2017年06月01日 18:55 fonte:  autore: Marta Cardellini
foto: Cns/Chen Chao


Perdersi fra le vie di Chongqing non è una cosa tanto strana, persino per gli abitanti della città. Il suo labirinto di strade, intersecate e senza segnali stradali è infatti un groviglio senza via d’uscita, ma il nuovo nodo Huangjuewan promette di risolvere la situazione.

 

È stato inaugurato nei giorni scorsi, dopo ben 8 anni di lavori, il nodo stradale di Huangjuewan nella città di Chongqing. Si tratta del più grande e complesso hub di scambio di tutta la Cina sud occidentale e collega oltre 20 rampe in ben otto direzioni nevralgiche fra cui l’aeroporto internazionale Jiangbei, il ponte del Tempio Gran Buddha, il ponte Chaotianmen, il centro business della città e la stazione Sigongli. Il nuovo “vaso sanguigno”, chiamato così dagli abitanti di Chongqing, si compone di 5 piani ed è stato progettato per soddisfare le esigenze dei trasporti e far sì che i conducenti non si perdano più fra le strade della città. Oltre a disporre di tre vie ad alta velocità che permettono agli automobilisti di cambiare direzione facilmente se ci si accorge di aver sbagliato, sono stati installati dei segnali stradali ideati appositamente per guidare i conducenti verso la destinazione desiderata.

Chongqing è nota per essere la città con il sistema stradale più complicato del paese, in tanti si perdono nel suo labirinto guidando per svariate ore senza raggiungere mai una destinazione. Il problema più grande, secondo le dichiarazioni dei cittadini, è quello della mancanza di indicazioni stradali, fatto che impedirebbe di individuare la direzione corretta.