La posizione corrente:Home > Moda

Ai millennials cinesi piace comprare italiano

2017年06月19日 22:29 fonte:  autore: Marta Cardellini
foto: Xinhua/ Guo Cheng



Se l’amato LV perde i colpi, a conquistare sempre più la fiducia dei giovani cinesi è l’alta moda italiana e la sua linea fatta di storia e ricerca come dimostrano Prada e Gucci, rispettivamente al 2º e 3º posto fra i brand più amati.

 

In fatto di moda non è una novità che i cinesi amino l’alta sartoria italiana e gli storici brand come Fendi, Gucci, Armani, Versace, Prada, Max Mara. Comprare poi direttamente in esclusive location come piazza di Spagna, via Condotti o via Montenapoleone non ha prezzo ed è un trend che coinvolge sempre più i cosidetti millennials cinesi, considerati il segmento turistico in crescita del paese. Ma come agiscono, come si comportano e cosa pensano questi giovani?

Recentemente un sondaggio realizzato su wechat dalla società di Shanghai China i2i Group ha evidenziato che l’Italia è risultata al secondo posto, dopo la Francia, come meta prescelta per fare un viaggio nel 2016 ed anche come meta prediletta del 2017. A metà classifica è apparsa Dubai, la Malesia e la Tailandia, in fondo invece la Spagna, la Grecia e la Finlandia.

La maggior parte degli intervistati ha chiaramente dichiarato di spendere generalmente in solo shopping dai 650 ai 1300 euro, con un posto privilegiato per alcuni brand. Al 1º posto è risultato Dior, a seguire sono stati indicati Prada, storico marchio fondato a Milano nel 1913, e Gucci, nato a Firenze nel 1921.

Una vera passione per il Made in Italy e per l’Italia che ha scalzato dalla lista l’amato LV, al 10º posto dopo anni e anni di primato assoluto.