La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

Italia e Cina: opportunità nell’Industria dei servizi

2017年06月28日 22:54 fonte:  autore: Valentina Mazzanti

Si è tenuta oggi 28 giugno, presso l’Hotel Palatino di Roma, l’evento l’INDUSTRIA DEI SERVIZI – Opportunità di sviluppo delle relazioni tra Italia e Cina, realizzato da China International Center For Economic And Technical Exchanges (CICETE) con Orientalia Lab e Asia Promotion.

Il CICETE, agenzia governativa autonoma cinese fondata nel 1983 al fine di promuovere lo scambio economico e tecnologico tra la Cina e il mondo, è alla ricerca di partnership con governi locali, università, ONG, istituzioni, aziende e privati interessati alla cooperazione internazionale e ha promosso inoltre la China Beijing International Fair for Trade in Services (CIFTIS), un evento alla sua quarta edizione e una finestra sulle politiche, gli scambi e la cooperazione tra i fornitori di servizi su scala mondiale che interessa i seguenti settori: innovazione, comunicazione, distribuzione, servizi scientifici, tecnologici e ambientali, servizi internet e di informazione, servizi finanziari e aziendali, servizi educativi e culturali, servizi turistici, ricreativi e sportivi, servizi sanitari, di salute e sociali.

Alla conferenza sono intervenuti: Xu Xiaofeng, consigliere commerciale dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Chang Hexi, vicedirettore CICETE e Carlo Capria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

LA FIERA:

China Beijing International Fair for Trade in Services (CIFTIS) è co-finanziata dal Ministero del Commercio della Repubblica Popolare Cinese e dal Governo del Popolo della Municipalità di Pechino ed è stata stabilita in modo permanente a Pechino nel 2012. L’organizzazione Mondiale del Commercio, la Conferenza delle nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sono le organizzazioni permanenti di supporto al CIFTIS.

CIFTIS in cifre:

4 edizioni (prossima edizione: maggio 2018)

50 tra organizzazioni internazionali, associazioni industriali e camere di commercio

Delegazioni di 26 paesi stranieri

170.000 mq di esposizione

6.100 aziende

391.000 partecipanti da 154 paesi

Accordi stipulati per una cifra di 220.6 miliardi di USD di cui il 90% formalizzati con contratti