La posizione corrente:Home > Attualità

Il “progetto BRAIN” entro fine anno

2017年09月20日 20:36 fonte:China News Service  autore: Redazione
Foto da ecns.cn


Secondo gli scienziati aiuterà a fare passi avanti nello studio di malattie come Alzheimer e depressione e per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale.

 

La Cina pianifica di lanciare la sua versione di BRAIN o Brain Research through Advancing Innovative Neurotechnologies per la fine di quest'anno. Lo ha riferito Muming Poo, direttore dell'Institute of Neuroscience della Chinese Academy of Sciences. Il progetto è in cantiere da tre anni e ora è incluso come progetto scientifico e tecnologico chiave nel 13esimo Piano Quinquennale (2016-2020), ha dichiarato Poo a China Business News.

Nel 2015, gli scienziati cinesi avevano proposto ricerche mirate sulle basi neurologiche della funzione cognitiva, con l'aggiunta degli obiettivi di migliorare diagnosi e prevenzione delle malattie del cervello e guidare le ricerche sull'intelligenza artificiale attraverso il computing e la simulazione di sistema. Poo ha dichiarato che l'investimento cinese nel progetto sarebbe equivalente alla somma stanziata per l'iniziativa BRAIN statunitense annunciata dall'amministrazione Obama nel 2013, e che la Cina incoraggerebbe anche la partecipazione del capitale privato, sebbene i dettagli non siano stati ancora definiti.

Gli scienziati sono convinti che il Progetto Brain cinese aiuterebbe a comprendere le ragioni nascoste dietro malattie come l'Alzheimer e la depressione, inoltre fornirebbe un vasto supporto allo sviluppo dell'intelligenza artificiale in Cina. La Chinese Academy of Sciences ha lanciato il suo progetto Mapping Brain Functional Connections (MBFC) nel 2012, per focalizzarsi sull'analisi e la simulazione del percorso di connessione e la struttura della rete di specifiche funzioni del cervello.

Yang Xiongli, accademico della Fudan University, ha affermato che ricerca e applicazione neurologica potrebbero promuovere lo sviluppo in diversi campi. Attualmente la Cina è indietro nei progetti di ricerca neurologica. Wang Zuoren, vice capo di Partito presso l'Institute of Neuroscience, ha affermato che gli Usa investono 5 miliardi di dollari all'anno nelle scienze neurologiche, escluso il capitale privato, ma la Cina solo 200 milioni di yuan. In un documento pubblicato il mese scorso, Poo ha dichiarato che la Cina si è prefissata di raggiungere in tale ambito un ruolo leader in 15 anni.