La posizione corrente:Home > Moda

L'Italia sulle passerelle cinesi

2017年10月13日 19:09 fonte:  autore: Marta Cardellini

 

Alla Shanghai Fashion Week SS/2018 arriva un fine settimana all'insegna della moda italiana, a sfilare oltre 50 brand nazionali fra grandi successi e stilisti emergenti grazie a White e ICE.

 

La moda italiana si affaccia sempre più a Oriente e la Cina, con i suoi numeri da capogiro, sa come attrarre l'attenzione dei brand nazionali. Oltre ad essere un'importante opportunità per l'industria del settore, la Cina è un mercato che possiede ad oggi il 33% delle vendite globali del lusso. In questo scenario la Shanghai Fashion Week è cresciuta tenendo il ritmo, negli ultimi anni c'è stata un'affluenza di 150mila visitatori con la partecipazione di 1500 marchi, fra designer e brand, e oltre 160 eventi, fra sfilate e presentazioni.

E a supporto delle aziende italiane è scesa in campo la nuova piattaforma “Style route to Shanghai”, realizzata da Confartigianato Imprese insieme a WHITE, importante salone della moda italiana, con il supporto ICE (Istituto Nazionale per il Coomercio Estrero),per portare a Shanghai un gruppo selezionato di brand del Made in Italy.

Si tratta di un nuovo format che ha lo scopo di rappresentare il meglio del lifestyle italiano, diventando uno degli eventi di riferimento durante la Fashion Week di Shanghai, spiegano da White.

L’iniziativa nasce, infatti, sotto l’egida della Shanghai Fashion Week e beneficia del supporto d’importanti partner locali e internazionali. Verrà presentato un brand mix composto da circa 56 aziende del made in Italy, all’interno di uno spazio espositivo multifunzionale, situato nel cuore del nuovo Art District (West Bund Art Center) proprio di fronte a Ontime, una delle manifestazione fieristiche più importanti, che è anche partner del progetto. La struttura dell’evento stesso prevede, durante i tre giorni della durata, diverse attività di comunicazione e promozione, con incontri e focus sul lifestyle italiano e con momenti di degustazione food, per una full immersion dei consumatori cinesi nella nostra cultura.