La posizione corrente:Home > Attualità

Smartwatch per “bambini lasciati indietro”

2017年11月03日 19:12 fonte:  autore: Luca Simonelli


Con lo scopo di assicurare maggior sicurezza ai bambini in difficoltà, gli smartwatch sono solo un piccolo passo per aiutare le autorità a monitorare le dimensioni di una questione sociale davvero urgente.

  

La città di Bijie nella provincia del Guizhou, nel sud-est della Cina, ha investito circa 24 milioni di yuan (3,1 milioni di euro) per dotare gli oltre 100mila bambini e ragazzi in età scolare con degli smartwatch. Grazie a questi dispositivi i bambini possono effettuare o ricevere chiamate, scambiare messaggi di testo o vocali con i loro genitori.

Questi “orologi” hanno funzioni di monitoraggio della salute, il GPS e la chiamata d’emergenza per chiamare istantaneamente la polizia. Secondo China Daily ogni bambino dispone di un’indennità mensile per la SIM card: in totale, i bambini dispongono di 500MB di rete dati e 200 minuti di telefonate per un equivalente di un pacchetto da 15,9 yuan mensili (2 euro circa).

I “bambini lasciati indietro” sono una piaga sociale in Cina, soprattutto nelle aree rurali, e ad oggi constano di ben 61 milioni di individui. Questo fenomeno è dovuto dalla necessaria migrazione dei genitori verso le città alla ricerca di un lavoro e di un guadagno, e spesso questi bambini vengono lasciati in custodia ai nonni. In media, nelle province rurali, a livello nazionale, i “bambini lasciati indietro” costituiscono il 33,5% del totale, tuttavia in alcune province il dato può superare addirittura il 50%.

Nel febbraio del 2016 il Consiglio di Stato cinese ha ordinato che venissero costituiti dei database con tutta la documentazione riguardante ogni caso. Per questo motivo le autorità di Guizhou, hanno deciso di utilizzare questi smartwatch, in modo tale da avere un aggiornamento in tempo reale su ogni spostamento e sul loro comportamento. Inoltre questi dispositivi, secondo le autorità, potrebbero aiutare a colmare le carenze delle cure famigliari e la comunicazione insufficiente tra genitori e figli.