La posizione corrente:Home > Attualità

Studenti cinesi, i più studiosi dopo scuola

2018年03月05日 21:56 fonte:  autore: Mo Hong'e

 

Secondo un rapporto del 21st Century Education Research Institute gli studenti cinesi impiegano 17 ore a settimana nell’apprendimento dopo la fine delle lezioni, molto di più rispetto alle 7 ore della media internazionale

 

Gli studenti cinesi delle scuole primarie e secondarie trascorrono più tempo a scuola e seguono più corsi extracurriculari rispetto ai loro coetanei di altri paesi, un onere che si aggiunge al peso del normale studio.

È questo il risultato di un rapporto pubblicato dall’associazione cinese 21st Century Education Research Institute che ha sottolineato come nel 2015 il tempo medio scolastico per gli alunni primari sia passato a 8,1 ore al giorno dalle 6,7 ore del 2010, con un aumento del 20,9%; mentre per gli studenti delle scuole secondarie si è passati a 11 ore al giorno, rispetto alle 7,7 ore di cinque anni fa, con un aumento del 42,9%.

Per gli studenti cinesi c’è, inoltre, un sovraccarico di compiti a casa che mette sotto pressione anche i loro genitori, circa l'80% di loro ha affermato di supervisionare i figli mentre completano i compiti.

Gli studenti cinesi, in più, trascorrono una maggior quantità di tempo a studiare al di fuori della classe. Alla fine del 2016, circa 137 milioni di studenti cinesi hanno preso parte a corsi di tutoraggio extracurriculare, secondo il rapporto, che ha aggiunto che circa il 47,2% degli studenti ha frequentato tali corsi durante il periodo di istruzione obbligatoria.

Il rapporto indica che gli studenti cinesi trascorrono in media 17 ore alla settimana sull'apprendimento dopo la fine delle lezioni, molto più a lungo della media internazionale di 7,8 ore.

Si è inoltre riscontrato, infine, che i genitori cinesi sono più propensi a scegliere scuole che sono al di fuori delle proprie aree abitative durante il processo di istruzione obbligatoria, con una vera selezione delle migliori scuole primarie e secondarie. 

 

 

traduzione di  Marta Cardellini