La posizione corrente:Home > Spettacoli

A Venezia un viaggio nell’arte di Dunhuang

2018年03月16日 17:18 fonte:  autore: Marta Cardellini


Fino al prossimo 8 aprile è possibile visitare l’esposizione Il gioiello della Via della Seta: Arte buddhista di Dunhuang presso gli Spazi Espositivi della Ca’Foscari di Venezia

 

Un viaggio nella vita quotidiana di generali, mercanti, artigiani e donne di corte, oltre che nel profondo sentimento religioso che permeava la vita sociale della popolazione di Dunhuang. È questo che racconta la mostra dedicata all’arte rupestre buddhista di Dunhuang, inaugurata lo scorso 22 febbraio all’interno degli Spazi Espositivi presso Ca’ Giustinian dei Vescovi, l’edifico adiacente a Ca’ Foscari, dove l’Ateneo ospita prestigiose esposizioni internazionali.

Frutto della collaborazione fra l’Università Ca’ Foscari Venezia e la Dunhuang Academy, in collaborazione con la Dunhuang Culture Promotion Foundation e patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) e dal Comune di Venezia, l’esposizione documenta l’importanza della Via della Seta quale punto di interscambio oltreché commerciale, culturale e religioso.

Dunhuang, oasi strategicamente posizionata lungo l’antica via nella Cina nord-occidentale fra l’altopiano del Tibet, la Mongolia e il deserto del Gobi, è conosciuta per i suoi templi rupestri contenenti alcuni degli esempi più preziosi di arte buddhista realizzati nel corso di oltre un millennio, dal IV al XIV secolo, e per essere la testimonianza artistica delle tradizioni religiose che lì si sono avvicendate e che sono rimaste magnificamente “documentate” nei dipinti parietali delle grotte.

Il complesso di Dunhuang è costituito da 735 grotte arricchite da più di 2mila statue e 45mila metri quadrati di dipinti parietali ed è stato inserito nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco.