La posizione corrente:Home > Attualità

A Pechino ci si sveglia presto

2018年03月21日 18:45 fonte:  autore: Marta Cardellini

 

Fra le città che si “svegliano prima” c’è Pechino mentre all’ultimo posto ci sono gli abitanti di Zhuhai. Ad accusare più problemi di sonno, invece, sono i nati degli anni ‘90

 

I pechinesi hanno la sveglia che suona prima di tutti, facendo un paragone con gli abitanti delle altre città cinesi, ed oltre il 60% della generazione degli anni ‘90 soffre di mancanza di sonno. È questo il risultato di un sondaggio realizzato, in occasione della Giornata mondiale del sonno, dalla Commissione di medicina del sonno dell’Associazione dei medici cinesi.

Lo studio mostra che in Cina i nati tra il 1990 e il 2000 non dormono bene. In termini di qualità del sonno, quasi il 30% lo definisce “cattivo”, il 33,3% afferma di essere “irrequieto”  e il 12% “insonne”. Solo il 5,1% ritiene che il proprio sonno sia “dolce” e il 19,4% “comodo”.

La generazione degli anni ‘90 dorme in media 7,5 ore, al di sotto del tempo di “sonno sano”. Il test rivela che il 30,9% necessita di una mezz'ora per addormentarsi e lo 0,9% preferisce assumere qualcosa che lo aiuti a dormire.

Secondo i dati gli abitanti di Shanghai sono quelli che si addormentano prima di tutti, mentre gli abitanti di Shenzhen sono gli ultimi. Pechino si sveglia molto presto e le persone nella città di Zhuhai, nella provincia meridionale del Guangdong, sono le più “dormiglione”.

In termini di occupazione, i programmatori sono i più insonni, seguiti dagli operai, dai venditori e dalle persone che lavoravano in società di consulenza.  I proprietari di negozi online e le celebrità di internet non godono di un sonno di qualità.