La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

La cultura Chu fa tappa a Roma

2018年06月28日 23:50 fonte:  autore: Daniela Baranello


Un viaggio alla scoperta del patrimonio immateriale dello Hubei presso la Biblioteca Nazionale della capitale.

 

Si è tenuta oggi presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma la Mostra del patrimonio culturale immateriale della provincia dello Hubei - Il viaggio della cultura Chu verso l’Europa Le storie lungo il Fiume Azzurro, evento organizzato dalla Biblioteca in collaborazione con il Dipartimento di Promozione dello Hubei e il Dipartimento Culturale della provincia dello Hubei, al fine di promuovere gli scambi interculturali fra Italia e Cina. L’evento, che si replicherà a Budapest e a Praga, è stato realizzato grazie al supporto dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata cinese in Italia, del Centro di promozione del patrimonio culturale immateriale dello Hubei e di Vento d’Italia, piattaforma digitale per l’accoglienza dei turisti cinesi.

L’evento si è aperto con un’esibizione dell’Opera di Pechino, seguita da una performance di Kung Fu Wudang, attività inserite dall’UNESCO nella lista dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità. Dopo gli spettacoli, contornati dalle esposizioni della cultura Chu quali l’arte del tè, il teatro delle ombre cinesi, l’arte dell’intaglio della carta, la tradizionale festa delle barche drago, l’opera del famoso poeta Qu Yuan, sono intervenuti Andrea De Pasquale, direttore della Biblioteca Nazionale, Wang Yanling, presidente del Dipartimento di Promozione dello Hubei e Lei Wenjie, direttore del Dipartimento Culturale della provincia dello Hubei. Fra gli ospiti presenti in sala anche l’ambasciatore italiano in Cina Sergio Maffettone.

Lo Stato di Chu, in origine piccolo regno militare lungo il Fiume Azzurro, divenne una grande potenza verso la fine del periodo delle Primavere e Autunni (770 – 454 a.C.) e visse il suo splendore durante il successivo periodo degli Stati Combattenti (453 – 221 a.C.), quando fiorirono le arti che diedero vita alla millenaria cultura e tradizione di questa regione.