La posizione corrente:Home > Scambi italo-cinesi

A Roma la Conferenza di scambio Shenzhen-Italia

2018年07月02日 22:19 fonte:  autore: Marta Cardellini

 

Situata nello snodo della grande area fluviale di Guangdong-Hong Kong-Macao, Shenzhen è stata la prima zona economica speciale cinese e oggi vanta numeri che ne attestano il valore a livello mondiale

                                       

È stata presentata lo scorso 2 luglio, presso la sala dell’Hotel Qurinale a Roma, la Conferenza di scambio e cooperazione Shenzhen-Italia, con lo scopo di promuovere la cooperazione bilaterale tra le realtà cinesi e quelle italiane in ambito di investimenti e innovazione

L’incontro è stato organizzato da Invest Shenzhen, Baldwin & Viktor, Europe Expo Service e EY Italy con il patrocinio della Camera di Commercio Italo Cinese e la partecipazione della Fondazione Italia Cina.

Durante la sessione di lavoro sono intervenuti, fra gli altri, il vicedirettore generale di Invest Shenzhen, Jia Changsheng, il responsabile di Roma per la Fondazione Italia Cina, Andrea Canapa, il manager per la comunicazione del gruppo Shenzhen’s Business Environment, Xu Xiaowei.

Con i suoi 20 milioni di abitanti, per la maggior parte giovani, Shenzhen è una delle città che ben rappresenta lo sviluppo e l’idea di innovazione portata avanti negli ultimi anni dalla Cina. In 38 anni di apertura, la città è riuscita a conquistare il primato in 3 punti chiave quali l’innovazione, le domande internazionali di brevetti e la “vitalità” del settore giovanile.

Nel 2017 il Pil di Shenzhen ha raggiunto 2,12 miliardi di yuan, rendendola la terza città più grande della Cina in termini di dimensioni economiche. Gli investimenti totali in ricerca e sviluppo hanno superato i 90 miliardi di yuan, pari al 4,13% del Pil, e le aziende high-tech che oggi vi sono superano le 11mila unità.

In Cina è la città con la maggiore densità di attività commerciali, ben 3 milioni, e le domande di brevetto internazionale PCT rappresentano quasi la metà delle domande totali del paese. Da sottolineare, inoltre, che proprio Shenzhen è stata classificata come una delle migliori aree al mondo in termini di offerta di innovazione, oltre ad essere parte del “Global 500 Roll of Honor” del programma per l’ambiente delle Nazioni Unite e ad aver ricevuto la nomina di “città giardino internazionale”.